VERONA BIKE EXPO 2010 - VERONA FIERE    15/17-01-2010

ERA qualche anno che mancavo dalle fiere del custom, tre anni fa l'ultima visita a Padova, quest'anno ero intenzionato ad andare e ho dovuto scegliere, visto che negli stessi giorni organizzano due fiere analoghe a 80 km di distanza tra loro, una a Padova e l'altra a Verona. Ho scelto di andare a  Verona, un pò per cambiare, un pò perché un gruppo di amici aveva organizzato la trasferta in treno e abbiamo viaggiato insieme. Partenza venerdi sera, viaggio molto comodo e tranquillo, arrivo in fiera alle 8:30, il tempo per caffè e una ricca colazione e via! Immersione nel magico mondo del custom estremo del vintage e del rock'n'roll! Essendo la mia prima visita all'Expo di Verona, non sono potuti mancare i paragoni con le passate edizioni dell'Expo di Padova, e devo dire che la fiera di Verona ha retto bene il confronto: molti nomi di massimo livello tra i customizer, come Arlen Ness, Zero Engineering, Hardcore Cycles, Exile e altri, tanti espositori, case produttrici, accessori aftermarket, abbigliamento e customizers. All'esterno (complice il bel tempo), una folta scaletta di spettacoli con moto, trial, biciclette, quad e auto, tra i vari piloti c'era anche Graziano Rossi (il papà di Valentino) che si divertiva con una Ford Mustang in uno spettacolo di "drifting". Negli anni passati a Padova venivano organizzati incontri con autorità, conferenze su sicurezza e omologazioni, cosa a mio avviso importante in questo settore, ma purtroppo qui non ne ho visto, bisogna dire che però noi abbiamo visitato la fiera nella sola giornata di sabato. Il bike show era abbastanza ricco ma non sconfinato come quello di Padova, ma comunque c'era una moltitudine di follie custom! Mi ha colpito positivamente la massiccia presenza di aerografisti, molti dei quali lavoravano live all'interno degli spazi con colori aerografi e pennelli. Tutto sommato una fiera che non ha perso molto rispetto a Padova degli anni precedenti, e a quanto pare il prossimo anno gli organizzatori delle due fiere hanno trovato un accordo perché non si facciano più in contemporanea, in modo da dare a più persone la possibilità di vederle entrambe. Speriamo bene.

 

               

               

               

               

               

               

 

                               Torna a Raduni             PAGINA 2 >